Cucinare con le erbe

E per contorno… una gustosa insalata di radici d’asfodelo

Poiché nell’ultimo decennio sulla collina si è molto diffusa questa pianta, facilmente riconoscibile e dall’imponente estensione, abbiamo la possibilità grazie alla sua radice, che oltre che in primavera è nuovamente soda e compatta sino agli inizi di ottobre di realizzare anche questa gustosa ricetta autunnale. Le coglieremo, infatti, dopo la fioritura estiva della pianta, periodo nel quale è sconsigliata la raccolta poiché di solito il tubero è piccolo e coriaceo per lo sforzo di nutrimento verso l’infiorescenza, di norma combinato al periodo di minor umidità del terreno.

Nell’ultimo decennio l’asfodelo si è molto diffuso sulle nostre colline. Sopra, le sue salutari radici

Cosa occorre (per 2 persone di medio appetito, corporatura e salute)

Ingredienti della collina
Radice di asfodelo 20/25 tuberi anche di diverse dimensioni
Acetosella 10/15 foglie tenere
Ingredienti del droghiere/orto/super
Sale una presa
Olio EVO due cucchiai
Aglio uno spicchio

Come si fa

Dopo aver pulito i tuberi, sbollentatele per circa 15 minuti in acqua salata, sbucciatele e togliete la parte interna più legnosa, tagliatele a tocchetti e salatele e conditele con un trito di aglio e acetosella e l’olio. Questa insalata può essere servita sia tiepida come contorno sia fredda.

L’acetosella cresce in modo spontaneo in habitat montani e submontani, boschivi e in zone umide

Se volete, è possibile anche dopo averle sbollentate e salate ripassarle in padella con due cucchiai di zucchero ed uno di aceto per ottenere un contorno simile alle rape caramellate.

Advertisement

Alfredo Moretta

AlMor: Alfredo Moretta, classe 1974, piemontese di nascita e di cultura, anarchico e indisciplinato bastian contrario. Una vita pizzicata tra il nen bugè e la rivoluzione, tra le passioni e i doveri, tra gli studi storici e il lavoro di falegname degli avi. Accanito lettore, tra il medioevo e l'attualità, ama molto anche scrivere, di tutto un po', è il 2005 quando nasce l'AlMor vignettista che in collaborazione con Claudio Mellana, pubblica su diverse riviste on line. Nasce e cresce invece con lui la passione per la cucina tradizionale piemontese grazie alle donne di famiglia, che gli fanno capire da subito che "voler bene" significa "prendersi cura", e quale modo migliore se non con un buon piatto? Dagli avi apprende anche il piacere di andar per funghi ed erbe (anche se per loro era necessità). Completano il suo amore per la cucina qualche ardita libera invenzione.

Articoli correlati

Back to top button